Narrazione visiva per la crescita aziendale

Come scegliere una storia per immagini nel 2020

Nel 2020 non si può semplicemente mantenere un account attivo sui social media, avere un sito web adattivo e investire in campagne di PR. Al fine di accrescere la fedeltà dei clienti e acquisirne di nuovi, i marchi devono generare contenuti in grado di inviare letteralmente l’utente a un determinato percorso. Tali contenuti possono essere delle storie visive.

Fonte: Depositphotos

Da oltre 10 anni, la piattaforma stock Depositphotos aiuta i marchi a diventare visibili per il loro pubblico di riferimento. In questo articolo, condividiamo suggerimenti su come rafforzare l’immagine del brand nel 2020 incorporando la narrazione visiva nella comunicazione del marchio.

 

Definizione di narrazione visiva

La narrazione visiva è un modo per raccontare una storia usando le immagini. In questo caso, le immagini possono essere statiche, animate o rappresentare una forma ibrida di contenuto (ad esempio, i filtri RA su Instagram). Non esiste una regola per quanto riguarda il testo che può accompagnare una storia fatta di immagini. Tuttavia, la narrazione visiva riguarda la condivisione di contenuti in cui le immagini (non le parole) trasmettono l’essenza della tua narrativa. Ad esempio, un annuncio della macchina fotografica Kodak del 1934 descriveva quanto fosse semplice e divertente ottenere una fantastica foto Kodak utilizzando una guida narrativa. L’immagine suggeriva solo l’argomento della storia. Questo era un esempio di narrazione tradizionale. La pubblicità di Gillette, pubblicata nel 1905, al contrario, era quasi priva di parole.

Narrazione classica (pubblicità Kodak, 1934) vs narrazione visiva (pubblicità Gillette, 1905)

Per i dipartimenti di marketing, la narrazione visiva è un doppio successo considerando il pubblico target. Da un lato, un’immagine può veicolare più informazioni, supera più facilmente i confini culturali e richiede meno tempo per essere letta. D’altra parte, le storie sono più coinvolgenti degli articoli e aiutano le persone a ricordare le informazioni fornite per la loro capacità di connessione.

“Grazie, 2016. È stato strano” è una campagna creativa di Spotify basata sulle storie dei clienti ottenute (o forse no) attraverso l’analisi dei servizi. 150 cartelloni pubblicitari hanno raccontato alcune storie degli utenti divertenti e un po’ strane. Lo stile richiamava l’interfaccia utente di Spotify. Il risultato? 669 mila persone hanno fotografato gli striscioni e ne hanno scritto sui social.

Se la narrazione è così efficace, perché non viene usata ovunque? La risposta è semplice: la produzione di storie visive richiede molto tempo ed è quindi piuttosto costosa. Ad esempio, richiede contemporaneamente un copywriter, un designer, analisi di mercato e degli specialisti di marketing.

 

Scegliere una storia visiva nel 2020 

La narrazione visiva può essere applicata a diversi livelli di comunicazione, tra cui il branding globale, le campagne di marketing stagionali, la strategia del marchio per un determinato singolo social network e le singole pubblicazioni. Più è alto il livello di integrazione della narrazione, più è efficace. Inutile dire che nel 2020 la narrazione visiva è comunemente utilizzata sulle piattaforme di social media. Tuttavia, qualsiasi sito web e app può includerne degli elementi.

• Forme tradizionali di narrazione: foto, illustrazioni, gif, infografiche, video, flusso di utenti del sito web

• Forme di narrazione visiva ibride del 2020: storie che includono una serie di immagini statiche e dinamiche, sfide e flash mob sui social network, design di account, filtri RA, trasmissioni in diretta, videoconferenze, sondaggi, collaborazioni complesse con influencer, un gioco con geo-tag e molto altro

In altre parole, una storia può essere letteralmente creata a partire da qualsiasi cosa. L’unico requisito è il seguente: il tuo pubblico deve essere armato di laptop e smartphone.

 

Corrispondenza degli elementi della narrazione visiva

Ogni storia ha un’idea, un eroe e un antieroe e si svolge all’interno di un universo specifico. Gli eventi che si susseguono uno dopo l’altro formano la trama e sono incorporati (non sempre in ordine cronologico) nella struttura della tua storia. La struttura di quasi ogni storia richiama quanto segue:

• Conoscenza dell’eroe e del suo contesto (introduzione)

• Incontro dell’eroe con l’antieroe (climax)

• Descrizione del risultato della vittoria o della perdita dell’eroe (completamento e conclusione).

Nel 2015, Airbnb ha lanciato un progetto in collaborazione con Tesla. I migliori ospiti di Airbnb hanno avuto l’opportunità di fare un viaggio da sogno usando un’auto Tesla. Una coppia di Pasadena (California) ha viaggiato lungo la costa occidentale. La storia è stata annunciata su Instagram e completamente proposta nel blog di Airbnb. La campagna consisteva in tre parti. L’ultima parte della storia del blog invitava a leggere di più sulla partnership Airbnb-Tesla.

Un altro elemento integrante della storia è il suo stile. Per scegliere lo stile giusto per la tua storia visiva, devi lavorare su una mood board della campagna creativa e analizzare il contesto dell’utente. Il tuo pubblico ha il tempo di studiare la tua storia per 10 minuti? Quali colori dovresti usare per far risaltare la tua storia visiva rispetto all’ambiente visivo circostante? Quali associazioni dovrebbe evocare l’estetica della tua storia visiva? 

Nel caso della comunicazione del brand, il prototipo dell’eroe diventa spesso il prodotto o il cliente target e l’antieroe è l’incarnazione del problema che il prodotto o il servizio aiuta a risolvere. Tuttavia, questa non è una regola. Molto prima dell’era di Internet, il concetto di product placement è nato a Hollywood, e descrive letteralmente una situazione in cui il tuo prodotto non diventa un elemento della trama, ma rimane parte dell’universo del film.

 

Considerazioni finali

La narrazione visiva richiede un investimento a lungo termine e di grandi dimensioni. Pertanto, prima di riorganizzare le comunicazioni del marchio, pensa al budget (dovrebbero essere inclusi i costi di assunzione del personale per generare contenuti visivi). Tieni presente che utilizzare le foto stock di Depositphotos contribuirà a ridurre i costi di produzione delle immagini, e un approccio strutturato al lavoro contribuirà a ridurre i rischi. E se non sai da dove cominciare, sperimenta piccole forme discrete di contenuti, come la pubblicazione sui social. Qualsiasi risultato eccezionale è sempre il risultato di una serie di piccole azioni!