Al via la terza Milano Digital Week “Milano Città Aumentata”

Dopo un’ottima partenza nelle prime due edizioni, torna Milano Digital Week, la manifestazione promossa dal Comune di Milano – Assessorato alla Trasformazione digitale e Servizi civici – e realizzata da Cariplo Factory, IAB Italia e Hublab.

Da mercoledì 11 a domenica 15 marzo 2020, Milano Digital Week apre le porte della città, valorizzandone le esperienze e gli approcci alle tecnologie che partono dai cittadini, dal sistema produttivo e da quello accademico, rendendoli in quei giorni fruibili a tutta la cittadinanza. Ieri mattina Roberta Cocco (Assessore alla Trasformazione digitale e Servizi civici del Comune di Milano) con Carlo Mango (Consigliere Delegato Cariplo Factory), Carlo Noseda (Presidente IAB Italia) e Nicola Zanardi (Amministratore di Hublab, curatore di MDW) hanno esposto il tema della terza edizione: “Milano Città Aumentata”. Con la “Call for Proposal” aperta a tutti, la cittadinanza è chiamata a partecipare in un’ottica inclusiva, interattiva e partecipativa: un’opportunità rivolta a tutti i soggetti per allargare il proprio bacino d’utenza, favorendo scambio e circolazione di saperi.

La moderatrice Annarita D’ambrosio (Radio24), Roberta Cocco, Carlo Noseda, Carlo Mango e Nicola Zanardi

Come lo scorso anno, la formula della MDW prevede così un forte livello di coinvolgimento di professionisti, addetti ai lavori, giovani imprenditori, cittadini e studenti: tutti possono proporre e animare la “vita digitale” della città di Milano.

È online il sito www.milanodigitalweek.com dove cittadini, studenti, professionisti, addetti ai lavori, startupper, nuove forme imprenditoriali, aziende e attività educative, sociali e commerciali possono iscriversi, entro e non oltre domenica 12 gennaio 2020, e lanciare il proprio appuntamento, per far scoprire le realtà che stanno trasformando il lavoro, il tempo libero, la formazione e le dinamiche della progettazione e della produzione attraverso il digitale e che rendono Milano sempre più internazionale e inclusiva.

L’Open access a tutti i livelli è alla base del progetto Milano Digital Week 2020, così come la consapevolezza di una “innovazione sostenibile” favorendo il passaggio di strumenti di conoscenza, anche tecnologici, alle nuove generazioni e a quelle generazioni che vedono nel long life learning l’allungamento delle proprie prospettive di vita. Queste e altre tematiche verranno proposte, seguendo la formula molto apprezzata nelle prime due edizioni: incontri, seminari, mostre, workshop, performanceideati e curati appositamente per la manifestazione si incrociano con un’intensa programmazione di eventi in città, attivati tramite la “Call for Proposal”.

BASE si conferma, anche per la prossima edizione, la sede principale della Milano Digital Week; in affiancamento agli spazi della Triennale di Milano, del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia per programmi e attività condivise. Prosegue e si consolida, poi, la relazione con gli atenei milanesi. Saranno numerosi, anche nel 2020, gli incontri e i dibattiti che si svolgeranno nelle sedi universitarie della città: i “centri di produzione del sapere”

rappresentano i luoghi per eccellenza per parlare delle trasformazioni in atto; ma anche le visite alle aziende pronte ad accogliere visitatori costituiscono punti vitali nella mappa del programma. «Siamo riusciti a creare, in questi due anni, una manifestazione che riesce a raccontare la città digitale ai cittadini, mettendo insieme istituzioni, università, enti pubblici e privati, grandi imprese e start up – commenta Cocco -. Oggi comincia il percorso che ci porterà all’edizione 2020, che ci auguriamo ancora più coinvolgente e più partecipata dello scorso anno. Mostreremo i cambiamenti e le innovazioni che stanno coinvolgendo tutti i quartieri della città, racconteremo le grandi aziende che hanno deciso di investire su Milano».

«Milano Digital Week comincia ad avere un’identità più definita cui contribuiscono tutte le sue varie componenti, nessuna esclusa, che rendono la città un vero e proprio laboratorio di transizione sociale e ambientale all’inizio del Millennio», prosegue Zanardi.

«IAB Italia è nuovamente in prima linea nell’organizzazione della terza edizione della Milano Digital Week – commenta Noseda -: vogliamo giocare un ruolo importante, essere sempre più portatori di una cultura del digitale con l’uomo al centro, come singolo e come comunità, che si assume il ruolo di guida. Vogliamo ricordare a tutti che l’innovazione va vissuta attivamente e non semplicemente accettata per inerzia. L’uomo è ancora l’unico vero artefice di qualsiasi trasformazione. Un ruolo che erroneamente abbiamo accantonato e che invece dobbiamo riprenderci con determinazione e convinzione».

«Rendere virtuoso e inclusivo questo cambiamento epocale è la sfida che abbiamo di fronte. Ed è anche la sfida di Cariplo Factory che è stata creata proprio per dare impulso all’ecosistema dell’innovazione in Italia attraverso lo sviluppo di competenze e di nuove imprese digitali», conclude Mango.