Ice Cube entra nel portfolio clienti di GB_22

Il progetto “The Unimpactful Change” ha preso il via con il restyling del pack

Ice Cube, azienda leader in Italia nella distribuzione internazionale di ghiaccio alimentare e proprietaria del più grande e innovativo impianto produttivo del Mediterraneo, ha affidato la propria comunicazione a GB_22, la struttura fondata da Vicky Gitto e Roberto Battaglia.

La collaborazione tra Ice Cube e GB_22 inizia dal restyling integrale del packaging di prodotto, completamente ripensato in chiave green. Il progetto si chiama “The Unimpactful Change” e nasce dall’idea che per avere il massimo impatto oggi può bastare ridurlo al minimo, infatti oltre a una nuova confezione 100% vegetale e totalmente compostabile, il redesign del pack prevede una visual identity che riduce al minimo l’impatto sull’ambiente eliminando perfino l’uso degli inchiostri colorati, avvalendosi esclusivamente del colore meno inquinante: il nero in tutte le sfumature del grigio.

Il risultato è un pack il cui impatto visivo fresco, leggero e moderno, è il risultato della riduzione al minimo dell’impatto sull’ambiente. GB_22 è già al lavoro anche su nuovi progetti per la marca, tra i quali branding e positioning di una nuova referenza e il lancio in Europa di una linea di prodotti dalle caratteristiche innovative per il segmento.

Simone De Martino, Co-Founder e Responsabile Commerciale, commenta: «La nostra è una giovane realtà, anche se “decana” in questa nuova categoria merceologica, come tale è per noi importante essere sempre propositivi, al fianco di un retail moderno e responsabile, proponendo soluzioni innovative per un consumatore sempre più attento e consapevole. Questa sfida ci ha entusiasmato e l’abbiamo colta non soltanto nelle soluzioni tecnologiche, con l’utilizzo di materiali di ultimissima generazione, ma anche nei contenuti creativi, facendoci affiancare dal team di GB_22, che ha saputo utilizzare il pack come veicolo di un messaggio di grande attualità sociale».

Con gli ECD Gitto e Battaglia hanno lavorato al progetto Nico Nannavecchia (Art Director/Designer) e Nicholas Mingrino (Copywriter).