WPP, ricavi a -12,3% nel primo semestre ma torna il dividendo

WPP ha pubblicato oggi i dati relativi al primo trimestre 2020, con ricavi in calo del 12,3%.  L’Italia è segnalata, insieme a Francia e Germania, tra i Paesi

Mark Read

europei più duramente colpiti dalla crisi nel secondo trimestre. Tuttavia, dopo aver cancellato i dividendi per il 2019, oggi il gruppo ha annunciato che ci sarà un dividendo per il primo semestre 2020 Mark Read, Chief Executive Officer di WPP, ha commentato: «Il secondo trimestre ha visto un’inevitabile flessione, con ricavi omogenei in calo del 15%, anche se migliore delle nostre aspettative. Supponendo che non ci sia una seconda ondata né ulteriori lockdown, il secondo trimestre dovrebbe essere il periodo più forte dell’anno, sebbene restiamo cauti sulla velocità della ripresa.

La nostra trasformazione strategica rimane sulla buona strada, ma poiché il Covid-19 accelera il cambiamento nel nostro settore, stiamo accelerando i nostri piani. Continuiamo ad attrarre nuovi talenti, investire in tecnologia ed e-commerce e formare le nostre persone nelle competenze di cui hanno bisogno per il futuro. Stiamo lavorando con i nostri clienti per aiutarli a tornare al business, adattare rapidamente le loro strategie di marketing e rimodellare le loro operazioni per un nuovo mondo. I marchi stanno registrando un aumento delle vendite online del 100% e oltre e stiamo supportando otto dei nostri primi dieci clienti sulle strategie di e-commerce. Il new business nel primo semestre pesa vale circa 4 miliardi di dollari, con l vittorie di Intel, HSBC e Unilever. Inoltre, con 4,7 miliardi di sterline di liquidità  grazie alla transazione Kantar, la nostra posizione finanziaria resta forte. Come risultato, siamo in grado di pagare il dividendo per il 2020».