Questione di etichetta – Mascherina, distanza e disinfettante: come gestirla in azienda e fuori?

Il cliente entra in ufficio e non si disinfetta le mani? Precedetelo: appena entra, salutate con un sorriso (vedi articolo), dategli il benvenuto e fategli vedere dove disinfettare le mani. 

Lo stesso vale per le distanze: verbalizzatelo, indicandogli un posto dove sta comodo e sicuro. 

Fonte: Depositphotos

Si sta più sicuri vedendo la porta piuttosto che averla dietro la schiena. Ci si sente meno sicuri vicino a oggetti alti come un porta abiti. Potete disporre l’ufficio tenendo conto di questi elementi e costruendo quindi il nido perfetto per il vostro ospite.

Quando invece incontriamo qualcuno che la maschera non la porta, oppure la porta in modo scorretto, possiamo farglielo capire senza sembrare antipatici. Ogni tanto basta un gesto per far capire all’altra persona quello che vogliamo dire: ci tocchiamo la nostra mascherina, o la sistemiamo meglio a coprire il naso, accompagnando il tutto con un sorriso e alzando spalle e mani per dimostrare gentilezza e non arroganza.

Se non viene compreso si può chiedere in modo esplicito usando un tono di voce cortese e un po’ intimo che aiuta a far percepire che la persona non lo sta facendo apposta ma è una svista come può accadere a chiunque.

Lo stesso vale se qualcuno si avvicina troppo a noi: o prendiamo noi le distanze, e quindi facciamo un passo o indietro o davanti, oppure diciamo: “Ops, ora mi sa che abbiamo superato la distanza che dovremmo mantenere”, come se la svista fosse nostra.

La questione della distanza è una componente importante della business etiquette e le nuove regole non fanno altro che definire sul piano sanitario distanze che già erano efficaci prima della pandemia. La distanza minima di un metro nella vita professionale è quella che viene percepita dalla maggior parte delle persone come gradevole e adeguata anche in condizioni normali. Almeno nell’emisfero occidentale del pianeta. Chissà mai che il Covid-19 porti almeno una cosa positiva: cioè che ci abituiamo al fatto che non a tutti piace la distanza ravvicinata, soprattutto nella vita professionale.

 

Katharina Von Bruchhausen. Tedesca di nascita, milanese d’adozione, ora risiede a Bolzano e si occupa di consulenza di business etiquette.
Nel 2013 ha fondato la KvB Galateo (kvb-galateo.it), la prima accademia internazionale di galateo e comunicazione per chi vuole migliorare la propria immagine