Torna Epica Awards, nonostante tutto, per celebrare la creatività

Si terrà il 17 dicembre la cerimonia di premiazione, interamente online, dell’edizione 2020 degli Epica Awards, l’unico premio in cui la giuria è composta da giornalisti: ne fa parte anche Touchpoint. L’Editorial Director Mark Tungate racconta le difficoltà incontrate e le opportunità.

Mark Tungate

Perché avete deciso di andare avanti con gli Epica Awards quest’anno mentre altri eventi sono stati cancellati?

Poiché siamo l’unico premio creativo giudicato dai giornalisti, aveva senso andare avanti in un momento di titoli così drammatici. E, nonostante tutto, questo è un periodo di boom per la creatività: i marchi stanno lavorando duramente per mantenere e rassicurare i propri clienti e di conseguenza le agenzie stanno lavorando duramente per i marchi. Hanno svolto un lavoro straordinario nelle condizioni più difficili.

 

Pensa che le agenzie si iscriveranno a Epica nonostante tutto?

Sono lieto di poter dire che le iscrizioni stanno già arrivando. Immagino che riceveremo meno proposte del solito, ma spero che la qualità rimarrà alta. Ho contattato personalmente le agenzie e ho chiesto loro di partecipare con campagne che trovo particolarmente interessanti. La nostra giuria di giornalisti ci consente di generare molta copertura da parte della stampa, quindi penso che le agenzie capiscano che Epica è un’opportunità di pubbliche relazioni. Come tutti i marchi, le agenzie hanno bisogno di promuoversi in tempi di crisi per emergere più forti dall’altra parte.

 

Avrete una categoria specifica per le campagne sul Covid-19?

Nonostante le polemiche, la risposta è “sì”. Infatti molti dei nostri giornalisti lo hanno chiesto, fin dall’inizio. Alcuni messaggi relativi al distanziamento, al lavoro da casa e alle misure di protezione sono stati estremamente creativi. E ovviamente è nostro compito celebrare e onorare la creatività. Doneremo tutti i proventi di questa categoria a Medici Senza Frontiere.

 

Come gestirete la giuria e la cerimonia?

Ovviamente sarà tutto in formato digitale. La giuria voterà online, ma speriamo di avere un dibattito in diretta streaming per decidere i vincitori del Gran Premio. Il 17 dicembre ci sarà una cerimonia online con talk e proiezione dei vincitori. La renderemo il più speciale possibile, anche se non sarà in un teatro elegante con una festa dopo. E ovviamente i vincitori riceveranno comunque le loro piramidi di cristallo, che rimangono reali e non virtuali!

 

Anche la stampa ha sofferto. I giornalisti sono ancora influenti in quest’epoca?

Direi di sì! In un’era di sovraccarico di informazioni e fake news, i giornalisti controllano e filtrano i fatti. Nella loro vita lavorativa svolgono un ruolo prezioso nel mettere in mostra i talenti straordinari delle persone creative. I giornalisti sono stati i primi “influencer”, in un certo senso, e penso che la loro opinione conti ancora, soprattutto quando lavorano per marchi mediatici rispettati. Nella nostra giuria abbiamo tutti i principali titoli commerciali che coprono le comunicazioni creative in tutto il mondo, oltre a titoli specialistici come Forbes e Marie Claire. Più di 200 persone in tutto. Rappresentano la giuria più indipendente e obiettiva nel settore dei premi.

 

Come pensa che l’era Covid-19 avrà un impatto sul panorama dei premi in futuro?

Sembra probabile che le giurie continueranno a incontrarsi online per un po’, poiché abbiamo visto che il modello funziona e che fa risparmiare tempo e costi di viaggio. Detto questo, spero che la prossima volta – o la volta successiva – potremo avere una cerimonia “nella vita reale” per dare alle persone i loro trofei, congratularci con loro di persona, mostrare il loro lavoro sul grande schermo e bere un bicchiere o due dopo!