Eni e Plural immaginano il futuro grazie alle Funny Applications dei bambini

Funny Applications è una serie EniTv Original da 10 puntate di circa 3 minuti, disponibile su EniTv. Si tratta di un format divertente e istruttivo che vede come protagonisti un team di bambini ai quali, dopo aver spiegato alcune tecnologie di Eni – come i Concentratori solari luminescenti (LSC), il Fotovoltaico Organico (OPV), il Waste to fuel – viene chiesto di immaginare possibili applicazioni per il futuro.

Si va dagli Occhialuffi, occhiali con lenti LSC in grado di trasformare la luce del sole in energia elettrica, utili per ricaricare telefoni e auricolari, al FriggiVan, un camper con cucina in cui si possono friggere le patatine e convertire automaticamente l’olio in carburante. E chissà che un giorno queste idee non siano davvero realizzate.

Infatti, il format non si ferma qui. In ogni puntata le Funny Applications vengono tradotte in un progetto illustrato attraverso l’aiuto di una visualizer. Poi ogni tavola viene consegnata a una ricercatrice di Eni, Michela Bellettato, che ne commenta la reale fattibilità e applicabilità con esiti a volte davvero sorprendenti. Tutto frutto delle menti geniali dei bambini, attori non professionisti selezionati in uno street casting durato oltre un mese. Futuri scienziati, insegnanti, sportivi ai quali sono state realmente spiegate le nuove tecnologie e che hanno risposto con vero entusiasmo.

«Si tratta di un’idea che ci è piaciuta moltissimo: la ricerca tecnologica alla fine è anche creatività, e non esiste in natura un cervello più creativo di quello di un bambino – ha detto Marco Bardazzi, Direttore Comunicazione Esterna Eni -. Questa associazione può generare risultati sorprendenti, oltre che divertenti. Con questa iniziativa vogliamo fare passare il semplice messaggio che la ricerca e l’innovazione sono imprescindibili per guardare al futuro, soprattutto in un settore come il nostro che deve necessariamente evolvere verso la produzione di un’energia completamente priva di emissioni. Come Eni investiamo moltissimo in questo percorso. E ci crediamo a tal punto da affidare il messaggio a un bambino». 

Ogni puntata si chiude con un invito, quello di realizzare la propria Funny Applications e farla spedire dai propri genitori a Mediaproduction@eni.com con la promessa che le più belle saranno commentate da un ricercatore Eni. Il progetto porta la firma di Plural che lo ha scritto, ideato e prodotto insieme alla cdp LaStradaProduzioni.

Marco Diotallevi

«Tutti avremmo voluto da piccoli, almeno una volta, vedere prendere forma le nostre fantasie. Ogni Funny Applications è la risposta a questo desiderio. Il format ci aiuta a raccontare la nostra unicità: siamo una boutique di content marketing per le media company che cercano in un’unica struttura competenze di advertising, autorialità e social media marketing di alto profilo. Una formula che già esiste all’estero, ma che in Italia ancora non è così diffusa», commenta Marco Diotallevi, Direttore Creativo dell’agenzia e autore del progetto insieme a Fabio Morici.