Coo’ee firma la capital campaign per la Fondazione Ospedale dei Bambini Buzzi

Si è svolta il 13 febbraio presso il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano la conferenza stampa ufficiale della Fondazione Buzzi per l’Ospedale dei Bambini di Milano. È stata l’occasione per presentare ufficialmente la Fondazione, presieduta da Stefano Simontacchi, e la campagna per la raccolta fondi firmata da Coo’ee Italia, agenzia di comunicazione associata UNA e guidata dal CEO Mauro Miglioranzi.

L’obiettivo è stato far conoscere l’impegno della Fondazione Buzzi per il futuro e la salute dei bambini, che sosterrà la costruzione del nuovo padiglione di 7 piani che si collegherà all’ospedale già esistente. 10 mila metri quadri di HUB per l’Ospedale dei bambini. Il concept creativo ruota attorno alla gravità, intesa sia come la forza magnetica che regola i meccanismi dello spazio, ma anche come la gravità della situazione, relativa alle malattie e ai problemi che tanti bambini sono costretti ad affrontare ogni giorno. Per questo il progetto descriverà il Buzzi come un mondo in totale assenza di gravità. Il contenitore comunicativo dello spazio permette una declinazione totale, multicanale, ma soprattutto incentrata sulla Fondazione Buzzi come un luogo spaziale, un centro di eccellenza e umanizzazione a livello internazionale.

Coo’ee si è occupata dell’ideazione del concept creativo e della realizzazione della campagna: produzione spot tv, spot radio e shooting fotografico per lo sviluppo della multisoggetto. La pianificazione media è intensa e su larga scala: sponsorizzazioni web e digital con Triboo e Dentsu, passaggi in tv su Rai, Canale 5, Mediafriends, Sky e Radio Italia Tv.

L’adv print coinvolgerà testate come Vogue, Vanity Fair, DonnaModerna, Tu Style, e quotidiani come Il Sole 24 Ore, La Repubblica, La Stampa, Il Corriere della Sera, Milano e Finanza, Il Fatto Quotidiano. Elevatissima densità anche per le affissioni fisse e dinamiche, che saranno suddivise tra spazi metro, pensiline digitali, bus, tram, ledwall a Milano e in luoghi centrali come Alzaia Naviglio Grande, Arco della Pace, Corso Como, Piazza San Babila, Piazzale Cadorna e Corso Venezia, maxi e medi formati illuminati, e un maxi-formato da 18 mq in Piazza Gae Aulenti.

Un ringraziamento speciale va ad Acone Associati, a Negri Firman e Diagon, e alle concessionarie e centri media che si sono resi disponibili nella gestione degli spazi, in particolare a IGP Deacux e Omnicom Mediagroup, e alle case editrici coinvolte, Mondadori, Cairo Editori, Manzoni, RCS e Class.