Con Hello Jarvis per una vita più semplice

Con un modello di business B2B2C, Hello Jarvis, il maggiordomo virtuale, ha la missione di portare valore alle aziende e alle persone in ambito residenziale. Luca Degli Esposti, Fondatore e Amministratore Delegato di IOOOTA Srl, ci racconta gli obiettivi futuri, con un focus sull’efficientamento energetico.

Luca Degli Esposti

Quando è nata la start up e come? 

L’idea mi è venuta a fine 2013, quando avevo 30 anni, unendo una piccola disavventura personale accaduta all’interno della mia abitazione, con l’esperienza professionale decennale in ambito digital e della user experience. Dopo l’idea, c’è stata la creazione del team, la validazione progettuale e di mercato e parallelamente la ricerca di capitali per sostenere la fase iniziale di start up, tutte fasi che insieme hanno preso quasi 18 mesi della mia vita, periodo nel quale ho preso una marea di porte chiuse in faccia. A fine 2015 poi, abbiamo fondato la società anche grazie al contributo economico dei primi due gruppi industriali che hanno creduto in noi.

 

Qual è il modello di business?

Il modello di business su cui ci siamo sempre focalizzati, è un B2B2C nell’ambito residenziale. Nel 2019, abbiamo sviluppato anche un modello B2B, in tutti gli altri ambiti. La società è stata fondata con la missione di portare valore alle aziende e alle persone, estrapolando informazioni di estremo valore dai dati generati dall’utilizzo quotidiano che facciamo all’interno degli edifici dove passiamo il 90% del nostro tempo, come la casa, la scuola, l’ufficio, la palestra, il centro commerciale.

 

Quali saranno i prossimi step?

Già da metà 2019, la nostra società si è focalizzata sull’efficientamento energetico, su come quindi far risparmiare chi gestisce edifici più o meno complessi, sfruttando le inefficienze nascoste nella gestione quotidiana e riducendo quindi sia gli sprechi, che le emissioni di CO2 e aumentando il comfort percepito all’interno degli stessi. Siamo convinti che l’unione dell’IoT (Internet delle Cose) con il mondo dell’Energia, possa a tutti gli effetti essere le fondamenta della Quarta Rivoluzione Industriale. 

 

Che tipo di clientela avete?

Lavorando sia nel residenziale che non, abbiamo diverse tipologie di clienti. Si spazia dalle Utility, Assicurazioni, società Telco, alle Energy Service Company, agli studi di ingegneria e architettura, ai software e technology provider, ai facility manager.

 

Come comunicate per attirare nuovi clienti?

Nel mondo del digitale lavoriamo ancora molto poco, ma stiamo iniziando qualche operazione. Il nostro è un modello di business e un ambito ancora molto legato a relazioni, a fiducia, quindi si lavora per referenze, case history, passaparola, fiere ed eventi di settore.

 

Utilizzate influencer per la comunicazione? 

Nel termine che tutti noi conosciamo non utilizziamo influencer (digitali). Sicuramente il nostro miglior influencer offline è il cliente soddisfatto che parla bene di noi come professionisti e della nostra soluzione, come una proposta di valore.