Da Nielsen una nuova metodologia per i servizi di misurazione digitale

Sarà implementata in diverse fasi a partire dai primi mesi del 2021

Nielsen ha annunciato un importante cambiamento nella metodologia di misurazione digitale, dando inizio a una nuova era nell’ambito delle misurazioni privacy-centric, in grado di fornire a marketer e publisher metriche comparabili e cross-platform.

Nell’ambito del suo processo di trasformazione digitale, Nielsen sta reinventando le tecniche di misurazione digitale per essere in grado di adattarsi velocemente a uno scenario in continua evoluzione, quale quello tecnologico e delle normative relative alla privacy. L’ecosistema digitale è soggetto a continui cambiamenti con restrizioni in evoluzione per la raccolta del consenso degli utenti e una progressiva riduzione della dipendenza dai cookie.

Le aziende digitali stanno quindi implementando nuove procedure a tutela della privacy dei propri utenti, che spesso richiedono la riprogettazione del flusso di lavoro e l’adozione di approcci diversi al coordinamento con i data partner.

In questo scenario, e grazie alla nuova metodologia annunciata oggi da Nielsen, i media owner saranno in grado di migliorare la monetizzazione dei propri asset, ottimizzare gli investimenti e comparare le performance dei diversi media.

I media buyer trarranno principalmente vantaggio dalla capacità di validare le campagne multipiattaforma e di ottenere le garanzie che derivano dall’utilizzo di dati “currency” nelle transazioni della media industry.

Photo by Carlos Muza on Unsplash

«Nel corso degli ultimi anni abbiamo concentrato i nostri sforzi per trasformare Nielsen in una platform company. Stiamo creando una piattaforma flessibile che possiamo adattare rapidamente alle nuove tecnologie, ai dati e alle modifiche normative con l’obiettivo sempre puntato sul rispetto della privacy – afferma Karthik Rao, Chief Operating Officer di Nielsen -. Riteniamo che questi cambiamenti porteranno i nostri clienti a ottimizzare la monetizzazione delle loro risorse oggi e anche per il futuro. Prevediamo inoltre che questi investimenti daranno un contributo significativo all’ecosistema digitale in rapida crescita».

Nielsen è in possesso del technology stack, dell’infrastruttura back-end e ha il massimo controllo sulle fonti di dati. Ciò consentirà all’azienda di muoversi rapidamente per lanciare nuovi prodotti, nuove funzionalità e data insight che confermano la qualità e la continuità dei suoi servizi di misurazione e garantiscono il futuro del proprio business digitale.

Inoltre, unendo asset televisivi e digitali in un’unica piattaforma, Nielsen è in grado di fornire una misurazione olistica ed efficiente del premium video, elemento sempre più rilevante per gli advertiser e la media industry.

«La trasformazione della tecnologia digitale di Nielsen è essenziale per fornire al settore misurazioni crossmediali che consentano a chi compra e vende pubblicità di ottimizzare i propri investimenti – afferma Mainak Mazumdar, Chief Data and Research Officer di Nielsen -. Stiamo creando le basi che ci consentiranno di continuare a infondere fiducia, garantire comparabilità e consentire la copertura della misurazione in un futuro “cookieless”».

La nuova metodologia digitale assicurerà comparabilità e trasparenza tra publisher e open web, ma anche una copertura più ampia e una granularità maggiore nell’analisi delle dinamiche tra device personali e connessi, riducendo la dipendenza da dati di terze parti e identificatori digitali di scarsa affidabilità.

La suite Nielsen di misurazione digitale, che comprende Digital Content Ratings, Total Content Ratings, Digital in TV Ratings, Digital Ad Ratings and Total Ad Ratings, sarà supportata da: i panel gold-standard di Nielsen dedicati alla misurazione dei media, la tecnologia di raccolta dei dati censuari, i modelli proprietari di correzione e calibrazione del bias e altre risorse derivanti da accordi con partner terzi; un network proprietario di walled garden e data provider in grado di garantire una copertura globale, con dettagliati dati di audience utili a ottenere informazioni demografiche e volumetriche; un ampio ecosistema di publisher dell’open web con dati scalabili, arricchiti da dati demografici Nielsen; nuove metodologie privacy-centric dedicate alla deduplicazione delle audience.

La nuova metodologia sarà implementata in diverse fasi a partire dai primi mesi del 2021, garantendo così a tutti i clienti la continuità dei servizi di misurazione attualmente in essere.