Marketing online anticrisi: cinque strumenti per le imprese nel 2020

Il crollo del mercato azionario e la pandemia di Covid-19 stanno rimodellando gli affari a livello globale. Prima di passare a strategie avanzate di servizi online di nuova generazione, la maggior parte delle aziende dovrà sopravvivere a questa crisi e far fronte alla riduzione del potere d’acquisto dei potenziali clienti. In quanto grande azienda internazionale, il team di Depositphotos propone 5 idee per stabilizzare le attività nel 2020, mantenere una relazione di fiducia con i clienti esistenti e aumentare la consapevolezza del marchio senza prosciugare il budget. 

fonte: Depositphotos

#1 Utilizza un approccio omnicanale

Nel 2020, la maggior parte dei marchi globali investe in pubblicità e marketing dei contenuti sulle principali piattaforme di social media. Ciò ha fatto straripare Facebook e YouTube di annunci e messaggi dei grandi marchi. Pertanto se vuoi raggiungere il tuo pubblico su queste piattaforme devi entrare in competizione con i migliori marketer e creatori. E, durante una recessione, non tutte le aziende possono permettersi di reggere la concorrenza per l’attenzione degli utenti contro dei marchi giganti. Al contrario, tutti possono applicare il marketing omnicanale. 

Secondo il concetto di marketing omnicanale, le aziende utilizzano più canali di marketing e li collegano in una struttura incentrata sull’utente. Tutti i canali di marketing, inclusi social network, lifestream, email e comunicazione offline, si rafforzano a vicenda. 

Per ottimizzare le spese del budget e aumentare la conversione, ti invitiamo a non investire ciecamente in contenuti unici per Facebook, YouTube, Snapchat o Instagram. Scopri come puoi abbinare tutti i tuoi canali di comunicazione e costruire un imbuto di vendita perfetto grazie al loro utilizzo. Prova anche dei social network alternativi (nota: dai la tua preferenza alle piattaforme basate sui video).  

#2 Investi nella realtà aumentata e rendi i prodotti ricercabili

Il Covid-19 ha chiuso le saracinesche di negozi e caffetterie, lasciando un piccolo spazio per le aziende che distribuiscono beni essenziali o forniscono servizi di base. La cosa migliore che le aziende possono fare in questa situazione è rendere il loro prodotto più accessibile. Prendi in considerazione l’integrazione delle API di ricerca visiva e sfrutta al massimo i shoppable post.  

I shoppable post che offrono di visitare le pagine dei prodotti e acquistare un prodotto direttamente da Instagram sono già utilizzati da diversi brand in Italia e in molti altri paesi. 

Alla luce di ciò, assistiamo allo sviluppo di obiettivi con la realtà aumentata e commerciali, che trasformano le fotocamere dei dispositivi mobili degli utenti in camerini virtuali.

La ricerca visiva migliora anche l’esperienza del cliente online. La tecnologia introdotta da Pinterest e Google si basa sul riconoscimento delle immagini. Una funzione di ricerca visiva consente agli utenti di rendere acquistabile praticamente qualsiasi oggetto dall’ambiente offline o di scansionare qualsiasi immagine di internet per effettuare una stima e quindi acquistarla con un click. Il nostro consiglio per i brand è di lavorare sul SEO delle immagini e caricare online ancora più foto dei prodotti.    

#3 Crea canalizzazioni di vendita basate su uno studio di ascolto sociale

Le emozioni guidano il comportamento umano. Hanno un impatto al momento di prendere decisioni di acquisto e determinare il potenziale di un cliente di acquistare prodotti simili. E nel 2020 i marchi avranno la reale opportunità di rilevare e analizzare le emozioni degli utenti e mostrare loro contenuti diversi, portando il neuromarketing al livello evolutivo successivo. 

Il modo più popolare per apprendere il background emotivo dei tuoi clienti è integrare gli ancoraggi alle tue pagine e utilizzare piattaforme di social tracking come Hootsuite, SumAll o HubSpot. Grazie al loro utilizzo, sarai in grado di rilevare le reazioni sui tuoi contenuti sui social media, misurare il background emotivo degli utenti e valutare i commenti con le menzioni del marchio. 

L’emozione di un cliente può differire all’interno di un’interazione cliente-brand: le persone provano eccitazione mentre disimballano i prodotti o provano ansia mentre hanno a che fare con istruzioni poco chiare. Ogni emozione è una possibilità per te di vendere il tuo prodotto. Ad esempio, scopri come puoi influenzare il comportamento di acquisto dei clienti con le foto. 

fonte: Depositphotos

#4 Coinvolgi i micro-influencer e incoraggia i CGU

Nel 2020, i contenuti generati dagli utenti domineranno il mercato dei social media. I CGU basati sul contenuto di un marchio possono assumere varie forme, tra cui la semplice pubblicazione con i tag del marchio, lo streaming di gruppo interattivo, le storie con i filtri per il volto del brand (dai un’occhiata al caso di Depositphotos) e molti altri. 

Se non hai sperimentato i flash mob sui social, i sondaggi e i test, puoi partire da qui. Se il tuo marchio ha già superato questa fase, passa a strategie di stimolazione di contenuti generati dagli utenti più tecnologicamente avanzate e olistiche come i codici QR dei filtri di Instagram integrati in un’esperienza di acquisto offline. 

Ricorda che la tua campagna informativa dovrebbe essere rivolta a un pubblico particolare e trasmettere una grande idea. Questo è l’unico modo per raggiungere i micro-influencer (la maggior parte del tuo pubblico) e far parlare loro agli amici del tuo prodotto. 

#5 Integra il marketing conversazionale

Il marketing conversazionale è ancora un approccio moderatamente nuovo al marketing digitale. Con l’avvento della quarantena, questo metodo di assistenza clienti è diventato più rilevante che mai. Consente alle aziende di risparmiare denaro sugli assistenti e servire i clienti da remoto.

Perché il marketing conversazionale è considerato così efficace? Ricordiamo un percorso tipico dell’utente del 2020. 

Anno dopo anno, maggiori informazioni sui prodotti arrivano ai potenziali clienti attraverso internet. 

Cercano di saperne di più sul prodotto con i social network e valutano le opinioni di persone reali su tali prodotti online. Come risultato, il 79% degli utenti è disposto a utilizzare le app di messaggistica per ricevere assistenza. E prima inizi a comunicare di persona con un cliente, maggiore è la probabilità di un acquisto.

fonte: Depositphotos

Conclusioni

Non importa quanto possa sembrare minacciosa l’attuale crisi, prima o poi verrà sostituita da un periodo di disgelo economico. 

Le tendenze digitali che puoi iniziare sin da subito ti aiuteranno a vincere tra tutti i concorrenti in pochi mesi. Trascorri il tuo tempo studiando la concorrenza, aggiornando il SEO e lavorando sul tuo piano dei contenuti. 

Tieni d’occhio le imminenti opportunità di marketing, continua a costruire relazioni affettuose con i tuoi clienti, unisci i canali di comunicazione in un’unica, forte unità e considera che, su Depositphotos, siamo sempre pronti ad aiutarti con le immagini giuste per accompagnare qualsiasi progetto creativo anticrisi.