Just Eat, on air in Italia la prima campagna globale con McCann London

Dal 5 gennaio è arrivata in Italia la nuova campagna di Just Eat, app leader per ordinare online pranzo e cena a domicilio in tutta Italia e nel mondo. Frutto di un progetto globale, a firma dell’agenzia creativa McCann London, la nuova campagna è pronta a sbarcare anche sul mercato italiano, con l’obiettivo di identificare in modo chiaro Just Eat come sinonimo di food delivery nel mondo, in ogni occasione e situazione, raccontando la gioia di ordinare online e di ricevere il proprio cibo preferito in qualunque parte del mondo ci si trovi. Non solo uno spot tv però, ma una vera e propria piattaforma creativa per rafforzare ulteriormente l’identità di Just Eat come global brand nei vari Paesi del mondo, utilizzando un concept semplice, intuitivo e mnemonico in più mercati allo stesso tempo.

Adattamento in italiano dell’originale “Did somebody say Just Eat”, il motivo musicale mnemonico “Qualcuno ha detto Just Eat” si trasforma, come per lo spot inglese, nell’elemento principale della campagna, con il chiaro obiettivo di fissare nella memoria del consumatore il brand, il suo utilizzo semplice, immediato e veloce, e rappresentando al meglio la vision “Serving the world’s greatest menu. Brilliantly”. Una creatività altrettanto semplice e immediata che, nella versione italiana, è riproposta anche con dialoghi in italiano e due differenti situazioni in cui ritroviamo un gruppo di amici per una pizza in compagnia e una coppia di giovani che condividono una cena a base di sushi. Lo spot, diretto da Tom Kuntz, attraverso MJZ, si apre infatti con una coppia seduta sul divano di casa, davanti alla tv, proprio nel momento in cui i due giovani si stanno chiedendo se ordinare cibo a domicilio per la serata. In tv famosi programmi che, dai cult movies, fino ai quiz show e alle televendite, mostrano attori, presentatori e personaggi che interrompono la recitazione, un dialogo o lo show del momento, per esclamare “Qualcuno ha detto Just Eat”.

Ed è così che nel Medioevo, negli anni Trenta-Quaranta o nel mondo fantasy, Just Eat diventa sinonimo di food delivery e top of mind. I due soggetti della campagna saranno declinati in altrettanti formati da 15” e 30”, in pianificazione dal 5 gennaio sulle principali emittenti televisive. La pianificazione è stata seguita da Universal McCann. «La nuova campagna traduce in un modo chiaro, immediato e diretto il concetto che vogliamo trasferire al pubblico: Just Eat è sinonimo di food delivery nel mondo, è divertimento, è il piacere di ordinare da un menù molto ampio, in grado di soddisfare i gusti più svariati e adattarsi a tutte le occasioni, servito direttamente dove ci si trova – commenta Monica Paoluzzi, Marketing Director di Just Eat in Italia -. Il concept creativo viene proposto e adattato nei diversi Paesi in cui siamo presenti: in questo modo rappresentiamo una campagna che ha un filo conduttore unico e globale, quello del divertimento e del piacere del food delivery: a prescindere da dove ognuno si trovi e qualunque sia l’occasione, se dici “food delivery”, dici Just Eat!».Allo spot tv è affiancata una pianificazione radio, con tre differenti soggetti basati sulle cucine hamburger, pizza e sushi, e una campagna OOH con formati ad alto impatto nelle città di Torino e Milano. Quest’ultima sarà protagonista anche con un tram che permetterà di far girare il brand tra le vie della città. A supporto anche i principali canali social, IG e FB.

 

Credits:

Agenzia Creativa: McCann London

Co-Presidents and CCOs: Rob Doubal and Laurence Thomson

Direttori Creativi: Rob Webster and Alexei Berwitz

Creativi: Rob Webster, Alexei Berwitz, Ben Buswell and Andrew Singleton

CSO: Theo Izzard-Brown

Planner: Ipeknaz Erel

Managing Director: Sheryl Marjoram

Business Lead: Tommy Smith

Account Manager: Joely Buxton-Smith

Project Director: Angela Hill

Chief Production Officer EMEA: Sergio Lopez

Executive Producer: Sophie Chapman Andrews

Agency Producer: Jen Gillen

Agency Producer: Serena Moll

Agency Producer: Jamie Cooper

Production Director: Lee Storrer

Design lead: Lisa Carrana

Designer: Julian Kerr

Designer: Joe Hedges

Business Affairs Lead: Molly Strasser

Business Affairs: Joseph Sieff

Creative researchers: Holly Webster and Pam Oskam

Craft Music Supervisor: Chris Graves

VFX Animations: Kasia Nalewajka & Chris Ketchell

 

Music Production House: String & Tins

Composers: Toni Robinson/Adam Smyth

String & Tins Music Producer: Eimear Ní Ghuaire

Singers: Toni Robinson, Adetoun Anibi, James Thompson

Spanish Singer: Susana Ruiz

Danish Singer: Elisabeth Valentine Kristiansen

 

Production Company credits:

Production Company:  MJZ

 

Direttore (spot originale): Tom Kuntz

Producer: Tim Wild

DOP: Tim Maurice Jones

Production Co Executive Producer: Helen Kenny

Production Manager: Daniel Gay

Production Designer: Sophie Becher

Costume Designer: Mr Gammon

Editor: Russel Icke At Whitehouse Post

 

Whitehouse Editors: Will & Steven Waltham

Whitehouse Producer: Antonia Porter

The Mill, Producer: Gin Godden, Mia Saunders

Audio, 750MPH: Mary-Ann D’Cruz and Sam Robinson