Il Black Friday 2019: la categoria più performante è lo sport

In Italia oltre 35.500 vendite (vs. 28.000 nel 2018) e +35% in revenue generate per i merchant italiani che hanno scelto il network Awin come proprio partner

L’evento più importante per lo shopping online quest’anno ha battuto tutti i record, oscurando anche il successo degli ultimi due anni, nei quali era avvenuta la consacrazione del fenomeno. A livello di gruppo Awin, network leader nell’affiliate marketing, ha registrato 2 milioni di vendite (vs 1.8 del 2018) tracciando ben 24 vendite al secondo nelle 24 ore della giornata.  Ma sono i numeri dell’Italia a colpire: + 35.500 vendite (vs. 28.000 nel 2018) e +35% in revenue generate per i merchant italiani che hanno scelto il network Awin come proprio partner. Le commissioni generate in Italia sono aumentate del 56%, un numero record se conquistato con la media del network (24%).

Ecco i principali interessanti dati emersi a livello globale e nazionale, analizzando i numeri del network, che opera in oltre 180 Paesi del mondo.

  • L’AOV dell’Italia è cresciuto, arrivando a toccare una spesa media di 96€, segno che gli italiani hanno deciso di approfittare del Black Friday per acquistare i primi regali di Natale. Non dimentichiamoci infatti che quest’anno il Black Friday è stato ben una settimana dopo quello del 2018. Essendo inoltre l’ultimo giorno del mese è probabile che i consumatori abbiano beneficiato dell’aumentato potere di spesa a seguito del giorno di paga.
  • Il retail & shopping ancora una volta ha dominato sia a livello di gruppo che in Italia. Nel nostro paese però questa volta non è più l’abbigliamento, come nel 2018, a trainare le vendite, ma il settore health & beauty, che ha pesato per il 26% delle vendite della industry, complice il traino degli integratori per lo sport.

L’abbigliamento si attesta in seconda posizione, con il 15% delle vendite, mentre l’elettronica è “solo” in 3° posizione, seguita da una new entry: libri e servizi su abbonamento.

  • Lato publisher nel nostro paese gli editori che hanno spinto maggiormente gli acquisti degli utenti sono stati i siti di codici sconto, seguiti dai cashback. Ancora una volta però i siti di contenuto hanno confermato quanto questo vertical stia iniziando ad utilizzare l’affiliazione come opportunità per monetizzare il proprio traffico. Questa tipologia di publisher infatti ha generato i valori più alti in termini di AOV, con una media di €150 a vendita.
  • Anche l’influencer marketing ha dimostrato il suo potere contando per ben il 7% delle vendite generate a livello a globale.
  • E il mobile? A livello di gruppo gli acquisti via smartphone sono aumentati del 24% rispetto al 2018 e ben il 47% delle vendite totali del nostro network durante il BF sono state tracciate su questo device.

«La risonanza sempre maggiore di questo evento off-line, come dimostrato da un susseguirsi di spot pubblicitari sulle reti nazionali, ha fatto da traino all’online in tutti i settori, raggiungendo un pubblico sempre più ampio. In particolare la parola magica in Awin Italia è stata “sport”, coniugato in tutti i suoi aspetti: dall’abbigliamento, all’attrezzatura sportiva, fino agli integratori, sono stati ben 5 i clienti del settore nella Top 10 dei merchant che hanno venduto di più. Altro dato da sottolineare è che rispetto agli anni passati le promozioni sono state meno trasversali, andandosi a concentrare su sconti selezionati per categorie o singoli prodotti. Il vantaggio della versatilità degli strumenti messi a disposizione da Awin è stata indubbiamente la flessibilità, che ha permesso di cambiare le promozioni anche in corso d’opera. Questo sicuramente è stato un plus per i tanti clienti che durante questa importante giornata hanno potuto modificare le scontistiche in base ai risultati e agli ordini che stavano tracciando, ora dopo ora», ha dichiarato Daiana Iacono, Client Services Director Awin Italia.