Nasce Human Versus Machine, la holding che investe sul futuro

È nata Human Versus Machine (HVM) la holding che guarda al futuro della tecnologia e al mondo del lavoro che verrà senza perdere di vista il ruolo chiave delle persone. Si tratta di una realtà che punta a diventare protagonista dell’internet economy, sviluppando ed acquisendo aziende dal grande potenziale tecnologico e innovativo, dotate tutte quante di una propria identità e di un posizionamento definito sul mercato, ma accomunate dalla medesima mission. Le controllate del Gruppo sono Pane&Design, bc1, IDA, società che si occupano rispettivamente di tech consulting, sviluppo di prodotti tecnologici basati su blockchain e influencer marketing. I confini delle aree coperte si allargano inoltre alle vendite online e ai servizi fieristici e congressuali con le aziende partecipate: Il Caffè Italiano, Hostess.it e Nextwin. La capogruppo punta a raggiungere un turnover complessivo di 8 milioni di euro e un totale di 50 dipendenti, oltre 3 volte il risultato dell’esercizio precedente. Nell’ambito della propria strategia di sviluppo nel settore della filantropia d’impresa, HVM ha acquisito anche il 49% di CharityStars, piattaforma internazionale di riferimento per il mondo del terzo settore specializzata in aste di beneficenza online e nell’organizzazione di eventi di fundraising. Un marketplace della beneficenza con un giro di affari di 5 milioni di € nel 2018. «Con la nascita della Holding – dichiara il CEO Domenico Gravagno -, intendiamo dotarci di una struttura solida in grado di fornire supporto e valore a tutte le aziende del gruppo. Contiamo di raggiungere (entro i prossimi 3 anni) un fatturato complessivo di 30 milioni di euro grazie al lancio di nuove iniziative imprenditoriali che stiamo già progettando e ad altre operazioni di M&A di realtà tecnologiche con alto potenziale ma prive risorse per esprimerlo. L’acquisizione di CharityStars rappresenta un ulteriore passo avanti verso il nostro obiettivo di costruire un portafoglio di aziende solido, diversificato e dal forte impatto sociale».

Tutte le novità di CharityStars

CharityStars, nata nel 2013 per rispondere al bisogno sempre più impellente del non-profit di svolgere attività di fundraising su canali alternativi a quelli tradizionali e alla volontà delle aziende di pianificare iniziative di corporate social responsibility, rappresenta oggi il partner di riferimento per oltre 500 onp in Italia e all’estero a favore delle quali sono stati raccolti oltre 17 milioni di euro. Gravagno, già co-fondatore della piattaforma che vanta anche una sede negli Stati Uniti e a Londra, che negli anni ha proposto all’incanto nomi internazionali del calibro di Ricky Martin, Eva Longoria, Antonio Banderas, Annie Lennox, Rafael Nadal e molti altri, ne assume la guida in qualità di CEO. Sono tante le novità che il sito di corporate fundraising si appresta a lanciare. Prima fra tutte l’ideazione di una nuovissima e patinata sezione dedicata alle esperienze a prezzo fisso – senza partecipare all’asta – che si rivolge ad una clientela esigente e desiderosa di vivere momenti unici e on demand (meet and greet con sportivi, designer e imprenditori ma anche viaggi da sogno e inviti per partecipare ad eventi esclusivi). Si confermano le collaborazioni con il mondo del calcio e con il fashion system nell’ambito delle settimane della moda di Milano e Parigi. Il team di CharityStars ha integrato al suo interno la divisione Concierge che ha l’obiettivo di prendersi cura delle esigenze del cliente. Dall’organizzazione del viaggio e dei trasferimenti, fino all’esecuzione di altre esigenze correlate all’esperienza acquistata. Inoltre, i professionisti del team Concierge si occupano altresì di realizzare le richieste dei top-spender che desiderano incontrare personaggi pubblici, partecipare a sfilate di moda in prima fila o partecipare ad eventi privatissimi e a numero chiuso. Il Team Concierge, profondamente inserito nella così detta stanza dei bottoni riesce a realizzare circa il 90% delle richieste in entrata, specialmente per le istanze relative al mondo della moda e dello sport. Un’altra novità è rappresentata dal Sweepstake: si tratta di un metodo innovativo di fundraising già sperimentato dalla piattaforma sul quale si punterà moltissimo nei mesi a venire. Il meccanismo è quello della lotteria. Viene impostato un premio finale molto ambito, ad esempio un incontro con un personaggio molto seguito, un’automobile o un’esperienza unica. L’ammontare delle donazioni è pressoché libero, ma è possibile incentivare delle donazioni più alte attraverso dei reward/premi garantiti. La certezza di vincere un premio, anche se di minor valore, incoraggia un numero di donazioni sensibilmente maggiore. Ma gli sviluppi non si fermano qui. La grande esperienza nell’organizzazione di charity dinner, le forti relazioni con i service, la tecnologia innovativa del live bidding, l’estesa presenza online e la cura del cliente hanno portato CharityStars ha lanciare la divisione EVENTI proponendosi ai propri stakeholder, ovvero le associazioni non profit, come i partner di riferimento per la gestione e l’organizzazione dei loro eventi di gala.